Service - NUOVO SITO LIONS

Vai ai contenuti

Menu principale:

Service

 
       Lions Club Pandino Gera D’Adda Viscontea  
 
Service dell’annata 2016-2017
 
         
 
                   RACCONTAMI LA STORIA

 
Ricerca storiografica e realizzazione di una pubblicazione.

 
**************
 
Nel 2014, un gruppo di cittadini pandinesi ha dato vita a un Comitato, inserito nell’Associazione Combattenti e Reduci di Pandino e riconosciuto con atto di Delibera N° 73 del 16/07/2014, dal Comune di Pandino , con l’obiettivo di recuperare il Monumento ai Caduti di Pandino e di restituitirlo recuperato in occasione del Centenario della Prima Guerra Mondiale .
 
Il Monumento ai Caduti è diventato, nel tempo, una presenza familiare per tutti i pandinesi al punto di dare al soldato che ne è protagonista un nome: Fredo.
Sotto Fredo i pandinesi e non si danno appuntamento e questo luogo è molto visitato anche da chi passa occasionalmente per Pandino.
 
E’ per questo che oltre a l’obiettivo di recuperare il Monumento ci siamo impegnati a raccontarne la storia.
 
Negli scorsi mesi, alcuni membri del Comitato hanno intrapreso una ricerca storiogrfica per ricostruire le vicende di questo manufatto e la memoria riguardante i Caduti Pandinesi e chi è partito per le armi.
 
Tramite vari documenti custoditi nell’Archivio Parrocchiale di Pandino, nell’Archivio Comunale e negli Archivi di Stato di Cremona e Milano, siamo in grado ora di sapere molto sul Monumento e sui cittadini che celebra.
 
Questa ricerca non è ancora conclusa e alla fine, produrrà una pubblicazione che ridarà memoria a fatti successi 100 anni fa. Questa ricerca coinvolge molto la comunità pandinese perchè ricostruisce una storia mai raccontata e che solo apparentemente sembra lontana ma che è vicinissima a noi. Molte sono le persone che hanno ancora memoria dei soldati partiti per il fronte perchè genitori o nonni o parenti.
 
Molto viva è la memoria dei caduti, al punto che alcune famiglie ci hanno contattato per informarsi su quanto emerge dalle ricerche e per avere copie dei documenti rinvenuti.
 
Il libro, di circa 120 pagine, sarà stampato a colori, in edizione di pregio.
 
Per poter affrontare le spese della pubblicazione, stiamo cercando sponsor o partner ben consapevoli che questo libro, per la ricchezza dei dati, per l’autorevolezza delle fonti e per la minuziosità della ricerca, non racconta solo una storia ma illustra uno spaccato della società pandinese di 100 anni fa.

 
**************

 
Prefazione del Presidente

 
Papà Angelo mi raccontava della guerra,non la “Grande Guerra” ma la sua guerra,la seconda, con la casetta per gli ufficiali a Rodi e poi il campo a Norimberga.
 
E quando raccontava, sempre e solo i soliti due episodi, rideva di quando a lui, farmacista, l’ufficiale tedesco gli chiese di cavargli un dente. E rideva, rideva fino alle lacrime!
 
La cosa che mi ha sempre colpito è stata la sua reticenza nel narrare i fatti come se il ricordo facesse rivivere dolori mai sopiti, cosa comune a tanti reduci.
 
Ecco perché quando ho sentito che a Pandino un gruppo di volontari aveva intenzione di pubblicare un libro sui pandinesi che vissero da soldati sulla loro pelle la Grande Guerra non ho avuto un solo attimo di esitazione.
 
Il cuore del libro è la voce e la storia di quei soldati, di quei pandinesi morti per la patria o tornati con il ricordo sepolto in fondo al loro cuore.
 
E’ per questi ricordi, per queste lacrime che il nostro club collabora con orgoglio ed entusiasmo alla pubblicazione di questo lavoro che narra storie e ricordi pandinesi.
 
Nell’ottica del “ we serve “ puntiamo alla valorizzazione delle eccellenze e della storia del territorio.
 

 
Dr.Anna Giuseppina Fiorentini
 

Presidente Lions Club Pandino Gera D’Adda Viscontea annata 2016/2017
 
Torna ai contenuti | Torna al menu